Un algoritmo per coordinare gli orari di entrata ai musei

foto della news

Addio alle code della Galleria degli Uffizi, sono arrivati i biglietti intelligenti!

Un algoritmo elaborato dall'Università dell'Aquila ha calcolato l'affluenza dei visitatori negli ultimi due anni e da questo è nata l'idea di fare le prenotazioni on-line per consentire ai visitatori di saltare la lunghissima coda all'entrata del museo, una fila conosciuta in tutto il mondo.

Uffizi

"Abbiamo sperimentato il nuovo sistema informatico di gestione degli ingressi che consente di azzerare le code", ha spiegato il direttore della Galleria Eike Schmidt. In media, nei giorni di punta in piena stagione turistica,si devono attendere da una a tre ore. "Durante il testing del nuovo sistema 7.561 visitatori si sono presentati in galleria e tutti sono entrati senza rimanere in coda". Il sistema ha funzionato molto bene ed è diventato il modo ordinario per accedere agli Uffizi" ha dichiarato il direttore Schmidt.

Il funzionamento del nuovo accesso informatico è molto semplice. Il sistema calcola l’affluenza dei visitatori grazie a tagliandi stampati da chioschi interattivi collocati sotto il loggiato degli Uffizi. L'algoritmo, che costituisce il cuore del sistema, permette inoltre di massimizzare la capienza del museo nel rispetto dei suoi vincoli strutturali e individuare con esattezza il momento in cui "dare appuntamento" ai visitatori, analizzando una miriade di informazioni e confrontando i dati storici dei flussi nel museo con svariati altri parametri, tra i quali anche quelli meteorologici. Così il visitatore riceve un biglietto con l’orario di entrata ed inizio al tour negli Uffizi all’orario programmato senza problemi.

Con la speranze che le code diventino un ricordo il direttore si è mostrato molto fiducioso: "Finalmente niente serpentoni di turisti frustrati, niente bagarinaggio e nessun borseggiatore. Ma c’è un altro aspetto da non sottovalutare, che è quello della sicurezza. Le code sono un bersaglio facile, e in questo periodo di allerta antiterrorismo eliminarle è un vantaggio per tutti".



Fonte: https://bit.ly/2BdiqHd