Cosimo Zannelli parla dell'amore (e non solo) tramite i consigli online di Salvatore Aranzulla

foto della news

Navigando online ci siamo imbattuti nel video musicale "Aranzulla" ed incuriositi abbiamo rintracciato il cantautore Cosimo Zannelli che ci ha raccontato il suo lavoro spiegando l'importanza, al giorno di oggi, dell'interazione musicale con il mondo social/digitale.

Conoscete già Salvatore Aranzulla?

Salvatore Aranzulla è il fondatore del blog "Aranzulla.it" uno dei 30 più visitati d’Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico dando consigli e tutorial riguardanti il mondo digitale. In qualità di divulgatore informatico, Salvatore ha firmato la rubrica Tecnologia del portale Virgilio.it dal 2008 al 2015 e dal 2016, Aranzulla.it contribuisce al traffico del quotidiano Il Messaggero, lavorando anche per Focus e per Mondadori informatica. Ad inizio 2018 ha esordito con "Il Metodo Aranzulla: impara a creare un business online", il libro in cui lo stesso fondatore ha raccontato gli inizi della sua folgorante carriera e di come l’impegno e la curiosità l’abbiano spinto verso sempre nuovi obiettivi. L'opera non è solo un’ampia case history, ma è anche un manuale vero e proprio, un prontuario costruito su misura per chi vorrebbe imparare a pubblicare contenuti di successo e a monetizzare dalla propria attività online.  Il segreto del successo del giovane professionista siculo, classe 1990, è racchiuso principalmente in due fattori: la sua brillante capacità di comprendere le difficoltà che le persone comuni incontrano sulle piattaforme e nei sistemi digitali; l'abilita di formulare e trasmettere semplici risposte esaustive.

La canzone "Aranzulla" di Cosimo "Zanna" Zannelli

Prendendo spunto dalla brillante capacità pragmatica di Salvatore Aranzulla, il musicista Cosimo Zannelli (chitarrista,  autore , arrangiatore e cantante ) si è ispirato al blogger nella sua nuova canzone, Aranzulla, dove parla di amore. Questo binomio è particolarmente interessante e azzeccato, poiché rispecchia la realtà di molte relazioni sociali che si sviluppano oggi giorno online e di come il web insegna "i trucchi del mestiere social".

A tal proposito, abbiamo intervistato il celebre Cosimo Zannelli per approfondire il tema di interazione digitale e musicale, mondo social e vita quotidiana.

Cosa ti ha spinto a scrivere una canzone sull'amore riferendoti a Salvatore Aranzulla ?

Più che una canzone d'amore è una parodia, un'ironica riflessione su questo mondo digitale, attraverso un suo personaggio simbolo..Una canzone per ricordarci che là fuori c'è ancora una vita reale. Aranzulla per me è veramente uno degli eroi positivi del web..Attraverso la divulgazione informatica ha intercettato i bisogni delle nuove generazioni, aiutando le vecchie a sopravvivere in questo mondo fatto più di interfacce che di vere relazioni sociali..Solo che un mondo così, dove in treno o sulla metro vedi tutti a capo basso sul proprio smartphone, inizia a diventare inquietante.

Data la tua esperienza, come hai visto evolversi la composizione musicale affiancata dalla tecnologia?

Si è evoluta la precisione della forma ma ne ha risentito la ricchezza di contenuti; anche i generi storicamente più suonati sono ormai assoggettati all'elettronica. I nuovi produttori artistici ormai sono quasi tutti dj. Emotivamente ci stiamo uniformando in senso superficiale e non è bello. L'arte deve emozionare e scandagliare l'anima più in profondità per essere credibile.

Come vedi l'interazione fra il mondo digitale, la tecnologia e la musica per la promozione degli artisti?

Tutto troppo brandizzato, per fare quadrare i bilanci. Ormai anche i musicisti fanno più i blogger che altro; promuovono marchi, alimentano merchandising..Cose che prima facevano da contorno alla musica ora ne sono la parte principale. I social hanno indubbiamente contribuito a queste dinamiche, peró questa situazione sta ricreando domanda in senso opposto. Sono venuti e stanno venendo fuori tanti cantautori proiettati verso il lungo termine, grazie alla ricchezza di contenuti.

Hai riscontrato feedbacks positivi sulla condivisione della tua musica online? In tal caso, quali canali hanno avuto/hanno maggior successo?

Considerando che non uso “doping” digitale ma solo inserzioni (e spesso neanche quelle) sono molto soddisfatto. Sto cercando, visto che questa mia dimensione cantautorale è ancora all'inizio, di partire dal basso e catturare interesse reale. Uso principalmente Facebook, YouTube ed Instagram.

Secondo te che impatto hanno i social sulla vita quotidiana di tutti i giorni? Utilizzi i social anche come profilo personale oltre a quello professionale?

Tendo ad usarli soprattutto per promuovere le mie attività musicali. I social hanno avuto ed hanno un impatto probabilmente troppo invasivo nel quotidiano..Riduco il discorso ad un concetto per me fondamentale: sbattersi per fare il lavoro e la vita che ci piacciono..così il narcisismo da social e l'autostima da likes non servono più.

Quali sono le tue prossime mete musicali? Utilizzerai nuove tecnologie digitali ?

Storicamente io sono un chitarrista..Ho suonato in tour con Piero Pelú, i Litfiba, Gianni Morandi, Robert Post e da qualche anno con Bianca Atzei. Adesso Sto curando la direzione musicale di Murder Ballad (rock-musical statunitense per la prima volta in versione italiana) e saró in scena suonando la chitarra, nei primi mesi del 2019 ; Mi preparo poi a pubblicare "Strade Secondarie", il mio primo album come cantautore..Aranzulla precede l'album e segue il primo singolo "Non andremo ai mondiali", pubblicato lo scorso giugno. Sicuramente userò la rete per la diffusione delle mie canzoni..per il resto vedremo.

Dopo questa piacevole chiacchierata, ringraziamo Cosimo Zannelli per la squisita disponibilità e per le preziose informazioni che ci ha dato sul nuovo settore musicale digitale. Possiamo affermare che grazie al web l'Arte non ha confini nè di spazio nè di tempo e la condivisione diventa sempre più virale.

E adesso gustiamoci il video ufficiale della canzone.

Fonte: https://www.facebook.com/cosimo.zannelli