Facebook brevetta l'algoritmo per capire se sei ricco

Ma quante ne sa e quante ne saprà

foto della news

Ne ha già tante di informazioni su di noi il social blu del buon Markino, ma adesso riuscirà a capire se sei ricco o povero attraverso un sofisticato algoritmo che basandosi sui dati già in suo possesso, quali per esempio i dispositivi elettronici dai quali ci connettiamo, quanti viaggi facciamo, le volte che ceniamo fuori, la città dove viviamo, il nostro livello di istruzione e chi più ne ha più ne metta. Ecco che la formula magica metterà il nostro profilo al di quà o a di là del muro.

In parole povere se hai un telefono di fascia alta che so un iphone6 da cui ti colleghi al social e possiedi una macchina che gestisce in app le funzioni di Facebook ed in più utilizzi un Mac quando sei a casa o al lavoro  collegandoti anche da quest'ultimo ti basterà postare due pranzi da Mcdonald per essere considerato appartente alla classe media.

Se infine il tuo lavoro verrà considerato uno di quelli da benestanti, libero professionista, dottore, avvocato, commerciante sarai probabilmente coptato verso la fascia degli abbienti ed inoltre se risiedi in una delle città considerate a vocazione milionaria Facebook ti prenderà per un vero e proprio paperone.

Tutto ciò per farti vedere i post sponsorizzati più adatti alle tue tasche con buona pace delle pubblicità tradizionali che per loro natura non potranno mai essere mirate così dettagliatamente e se da ora in poi noterò tutte pubblicità di Ferrari o Lamborghini scollegherò un dispositivo posterò una cena in meno e ricomincerò a sognare il mio vecchio cinquino.