Per motivi di sicurezza nazionale la nostra web agency rimarrà operativa, come sempre con gli stessi orari, grazie alla metodologia di
"SMART WORKING".
Continueremo a garantire tutti i servizi finora svolti ad eccezione degli appuntamenti in sede.
Potete continuare a comunicare con noi tramite telefono 055 8769090 a in via preferenziale tramite e-mail
info@firenzewebdivision.it o agli indirizzi dei vostri webmaster di riferimento.

foto della news

La società contemporanea è protagonista di un vero e proprio boom tecnologico e digitale che influisce radicalmente sul tradizionale concetto di “comunicazione”.

Da 20 anni a questa parte il web caratterizza la quotidianità di milioni di utenti e il nostro modo di pensare e di vivere è profondamente plasmato dall’avvento degli ormai ben noti social network.

Dal 2018 fra i giovanissimi spopola un’innovativa applicazione divenuta il palcoscenico di molti influencer e web star del momento: si chiama Tik Tok e attualmente è l’app più scaricata, con un trend di crescita superiore ai fratelli maggiori Facebook e Instagram.

Tik Tok, noto anche come Douyin, nasce nel 2016 in Cina inizialmente col nome Musical.ly. Nel 2017 l’azienda cinese ByteDance acquisisce Musical.ly per la somma di 750 milioni di euro e nel 2018 avviene la fusione fra le piattaforme Tik Tok e Musical.ly, in cui permane il nome Tik Tok e il logo (un neon colorato a forma di nota musicale su sfondo nero).

Disponibile in 34 lingue e attiva in 150 paesi, solo in Italia è usato da 2.4 milioni di utenti, mentre gli utenti attivi ogni mese in tutto il mondo arrivano a 700 milioni.  

Cos’è e come funziona?

Tik Tok è un social network che offre la possibilità di creare e caricare brevi video clip in loop (della durata compresa fra i 15 e i 60 secondi) personalizzabili con effetti sonori, filtri (in grado di rallentare o velocizzare la riproduzione video e di modificare l’immagine), testi, stickers e tutta la musica reperibile nella vasta libreria digitale inclusa. Questa piattaforma di video sharing è una sorta di “karaoke in streaming” dove i Tik Tokers (o Musers) possono dare sfogo alla propria fantasia condividendo i momenti personali più divertenti e stravaganti e/o reinterpretando scene di film o serie tv tramite la sincronizzazione labiale con musica e parole del brano di sottofondo (lyp-syncring)

L’applicazione può essere scaricata gratuitamente tramite Google Store, Apple Store e Amazon Appstore e può essere utilizzata dagli utenti con età minima di 13 anni.

Qual è il primo passo per entrare nel mondo di Tik Tok?

Una volta scaricata l’app sul proprio device è necessaria l’iscrizione, autenticandosi tramite Facebook, Instagram, Google o Twitter, oppure tramite numero telefonico o mail. Dopo l’installazione e la creazione del proprio profilo (inserendo user name e password) ci troveremo davanti la pagina principale del social, dalla quale potremo accedere ai contenuti multimediali caricati dagli altri utenti, sia di quelli seguiti sia di quelli suggeriti dal sistema. Scorrendo dal basso verso l’alto sarà possibile commentare, salvare, condividere e mettere il like ai video che più ci piacciono, proprio come avviene su Facebook e Instagram.

Come si produce un video?

Esistono due metodologie molto semplici:

  • Direttamente dalla camera di Tik Tok, tramite il pulsante centrale “+” e dopo aver consentito al sistema l’accesso alla fotocamera e al microfono del dispositivo. La modalità di registrazione può avvenire in stile selfie con la fotocamera anteriore oppure in modalità normale, e i video di tendenza possono essere cercati e classificati tramite gli hashtag; in perfetto stile Instagram.
  • Caricando un video o una foto (o anche più di uno, in modalità multipla) già esistente nel proprio smartphone, tramite l’icona in basso a destra vicino il tasto rosso.

Il pulsante “+” non è l’unico a caratterizzare l’interfaccia di Tik Tok.

A sinistra del pulsante troviamo:

  • l’icona “Home”, con la raccolta dei video condivisi
  • l’icona “Scopri”, per cercare fra i contenuti o fra i profili

A destra del pulsante troviamo:

  • l’icona “In arrivo”, per visualizzare le notifiche e i messaggi
  • l’icona “Me”, per visualizzare il proprio account. Proprio come Facebook e Instagram, il profilo di Tik Tok può essere pubblico o privato, può essere personalizzato con una foto e ci consente di vedere il numero dei followers, followings, dei “mi piace ricevuti” e dei video altrui che abbiamo apprezzato.

Gli account “dei più famosi” sono contraddistinti dalla spunta blu, i “creator” popolari da quella arancione.

 

Per cercare di sdrammatizzare l’attuale situazione di emergenza mondiale da Covid-19, Tik Tok ha realizzato inoltre “simpaticieffetti speciali riconducibili alla quarantena: la moda del momento è quindi quella di postare il proprio video utilizzando ad esempio la voce registrata che suona nelle metropolitane, modificata in questo caso con la frase “prossima fermata cucina”, per ribadire il concetto che al momento la nostra quotidianità si svolge quasi interamente dentro le mura domestiche.

Questi suoni particolari non si trovano nella cartella suoni ma possono essere salvati direttamente dal video della persona che ne ha fatto uso.

Cosa resta da aggiungere su questa innovativa applicazione?

Tik Tok si differenzia da Facebook e Instagram per l’introduzione di molteplici novità:

  • Le Challenge, sfide virali che fruttano milioni di interazioni. Gli utenti che vi partecipano sfoderano le loro armi migliori nel campo della creatività e originalità.
  • La Tik Tok..TAAC! Campagna a premi che consente di ottenere una ricompensa in gemme (attualmente rubini), che si convertono in euro e possono essere riscossi tramite Paypal. Come si guadagnano le gemme? Seguendo gli step che vengono comunicati ogni giorno dal sistema oppure tramite l’iscrizione di nuovi utenti al social network con il codice invito inoltrato dal nostro account. Per partecipare alla campagna basta cliccare sul diamante rosso posizionato in alto a sinistra del proprio profilo e seguire le istruzioni.
  • Il Filtro Famiglia e Gestione del Tempo nel Feed. La prima funzione consente ai genitori la gestione da remoto dell’account del Tik Toker minorenne, fra cui la limitazione del tempo passato sull’app e della tipologia di contenuti offerti dal sistema. La seconda ricorda all’utente di tener d’occhio il tempo trascorso online tramite pillole video che appariranno direttamente durante la fruizione dei contenuti multimediali di Tik Tok.

 

Tutto molto semplice, almeno sulla carta. Resta da comprendere quale sarà la tendenza nello sviluppo di queste piattaforme concorrenti e simili fra di loro: riusciranno tutte a ritagliarsi uno spazio per continuare ad esistere a lungo o saranno sepolte da nuove frontiere del digitale ancora da scoprire, come successo con MSN Messenger e ICQ? Staremo a vedere!

Fonte: https://www.theitaliantimes.it/tecnologia/tik-tok-cos-e-come-funziona-e-pericoloso-e-gratis-influencer-tik-tok_040320/