Avvisiamo i gentili Clienti che saremo chiusi per Ferie dal 12 al 16 Agosto compresi. Buone Vacanze da Firenze Web Division!

Cyber agricoltura

foto della news

Sorpresa: con l'Intelligenza Artificiale il basilico è più gustoso!

La rivista specializzata Plos OneUna ha pubblicato una curiosa ricerca del Massachusetts Institute of Technology (Mit) che ha messo in luce come utilizzando un algoritmo di apprendimento automatico per la coltivazione del basilico è particolarmente profumata e gustosa. Gli studiosi definiscono il risultato eccellente come il primo passo della nuova "cyber-agricoltura". Adesso gli esperti puntano a incrementare le proprietà medicinali di alcune specie di piante e a sviluppare dei metodi efficaci per aiutare le coltivazioni ad adattarsi ai cambiamenti climatici. L’Intelligenza Artificiale e la coltivazione del basilico. Il team di ricerca coordinato da Arielle Johnson ed Elliot Meyerson, durante lo studio, ha coltivato il basilico in "fattorie verticali" e lo ha sottoposto a varie condizioni rigidamente controllate. Successivamente, tutte le informazioni raccolte sono state elaborate da un algoritmo di apprendimento automatico: dopo aver valutato tutte le possibili combinazioni, l’Intelligenza Artificiale ha stabilito che per ottenere i risultati migliori la pianta dev’essere esposta alla luce per 24 ore al giorno; una considerazione che ha stupito i ricercatori ma che si è rivelata corretta. 

Dopo questo primo esperimento di gran successo, i ric ercatori stanno cercando di ottenere delle piante di basilico ricche di sostanze utili per combattere varie patologie, tra cui il diabete. Inoltre, stanno valutando dei metodi per incrementare l’efficacia di varie erbe medicinali, tra cui la pervinca del Madagascar. Questa pianta rappresenta l’unica fonte nota di alcune tipologie di molecole antitumorali. Infine, per capire come utilizzare la cyber-agricoltura per aiutare le coltivazioni ad adattarsi ai cambiamenti climatici i ricercatori stanno conducendo degli esperimenti sugli alberi di nocciole per conto della multinazionale Ferrero  (per realizzare i propri prodotti, l’azienda consuma il 25% delle nocciole coltivate nel mondo).

Fonte: https://bit.ly/2Uly66C